Amministrazione personale / News

IMPIANTI DI VIDEOSORVEGLIANZA SUI LUOGHI DI LAVORO

Iter autorizzatorio e modulistica ad produrre

Il crescente timore per il patrimonio aziendale e lo sviluppo di una tecnologia sempre più a buon mercato hanno moltiplicato i casi di aziende che installano telecamere per la videosorveglianza. Tuttavia, soprattutto quando i locali/piazzali sono luoghi di lavoro, è necessario seguire un ben preciso iter prima di accendere le telecamere, pena la possibilità di ricorsi per violazione della privacy o delle norme che regolano lo Statuto dei lavoratori. In sintesi le azioni da fare sono:
1. Trasmettere istanza all’Ispettorato Territoriale del Lavoro della provincia di competenza, con l’indicazione del tipo di impianto che si andrà ad installare.
Si raccomanda di porre adeguata attenzione alla relazione che deve essere allegata alla domanda; è altresì opportuno, quantunque non richiesto, allegare una piantina dello stabile con indicata la posizione delle telecamere e il raggio di ripresa.
2. Attendere l’autorizzazione della ITL, che può essere concessa a seguito di sopralluogo o semplice analisi documentale.
3. Ricevuta l’autorizzazione, dare apposita informativa scritta ai lavoratori ed avvertire i soggetti esterni con apposita cartellonistica.
4. Installare ad accendere l’impianto.
In allegato l’ultima modulistica disponibile per l’istanza di autorizzazione all’installazione delle telecamere fisse.

Condividi