Affari generali / News

FORMAZIONE ENERGIE RINNOVABILI PER IMPIANTISTI

La scadenza al 31 dicembre 2019 per le 16 ore

Ricordiamo che entro il 31.12.2019 il Responsabile Tecnico abilitato secondo il D.M. 37/08 prima dell’agosto 2013 deve effettuare 16 ore di aggiornamento formativo per mantenere l’abilitazione alla realizzazione di impianti ad energie rinnovabili (FER).

Gli ultimi chiarimenti a riguardo definiscono che la formazione dovrà essere svolta in funzione del tipo di attività che viene condotta dall’azienda, delle abilitazioni in base alle quali l’impresa opera (le “lettere”) ed al tipo di impianti che essa intende continuare a realizzare. Pertanto gli impiantisti elettrici dovranno frequentare le 16 ore sugli impianti fotovoltaici, mentre gli impiantisti termoidraulici potranno suddividere le 16 ore in moduli su solare termico, pompe di calore, biomassa e/o geotermia a seconda del tipo di impianto di cui intendano mantenere l’abilitazione.

Ad oggi, infine, coloro che hanno ottenuto l’abilitazione a Responsabile Tecnico dopo l’agosto 2013 dovrebbero svolgere 80 ore di formazione. Nell’attesa tuttavia di chiarimenti normativi, suggeriamo a queste figure di svolgere almeno le 16 ore, nella modalità sopra descritte, entro il 31.12.19.

Di seguito indichiamo alcune domande e risposte più frequenti

D) LA formazione FER fatta in Regione Veneto viene riconosciuta valida dalle altre regioni?

R) Si la formazione FER fatta in Regione Veneto viene riconosciuta nelle altre regioni

D) Una ditta che ha sede legale in Veneto può operare su impianti Fer in altre Regioni?

R) Si una ditta con sede legale in Veneto che abbia fatto la formazione Fer in Veneto, può operare anche in altre regioni d’Italia su impianti a fonti energetiche rinnovabili. Ciò che non viene riconosciuta è la formazione fatta da una ditta con sede legale in Veneto, al di fuori del territorio regionale.

D)Nel caso un responsabile tecnico nominato in un’impresa abilitata DM 37/08, regolarmente formato con le 16 ore Fer, cambi impresa (era un dipendente, oppure se titolare cambia ragione sociale e partita iva) la formazione fatta in precedenza può essere ritenuta valida, in quanto requisito della persona, o deve essere rifatto il percorso formativo anche per la nuova ditta?

R) La formazione rappresenta patrimonio formativo dell’individuo, pertanto un requisito soggettivo valido per il triennio di riferimento.

D) Se il responsabile tecnico di un’impresa abilitata DM 37/08 che deve aggiornare le 16 ore entro il 31/12/2019, entro tale termine riesce a farne solamente una parte, ad esempio 12, può terminare il percorso nel 2020, magari pensando ad un periodo transitorio (90 giorni) entro il quale terminare la formazione del triennio precedente?

R) No, è obbligatorio frequentare e concludere il corso di aggiornamento per l’intero monte ore (16) entro ciascun triennio di riferimento.

D) Decorso il termine del 31/12/2019 entro il quale dover terminare la formazione sulle FER, quali sono le conseguenze per la ditta e il suo responsabile tecnico che non hanno ottemperato a tale obbligo?

R) Il DM 37/2008 non prevede alcuna conseguenza. Tuttavia, qualora un soggetto privato che intenda installare un impianto FER faccia richiesta di accesso a contributi pubblici (bandi della Direzione regionale Ambiente), il Responsabile Tecnico della ditta installatrice deve risultare in regola con l’aggiornamento.

D) Ad oggi la formazione/aggiornamento delle 16 ore rivolta ai responsabili tecnici di imprese abilitate DM 37/08, da svolgersi entro il 31/12/2019, riguarda tutti i responsabili tecnici indipendentemente dalla data di conseguimento del ruolo di responsabile tecnico (in rif.to 28/2011 lett. a), b), c), d)) o vi sono delle casistiche particolari da tenere in considerazione e che potrebbero far variare il numero delle suddette 16 ore?

R) No, non esistono casistiche particolari. Il monte ore previsto per l’aggiornamento è pari a 16 da effettuarsi nel triennio di riferimento.

Condividi